chinooky.com

L’ offerta di obbligazioni ha mandato in subbuglio il mercato statunitense. La volatilità dei titoli del Tesoro è sensibilmente aumentata da quando la Fed ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse a marzo dell’anno scorso. In un contesto di rendimenti elevati e crescente indebitamento pubblico, il mercato ha cominciato a porre maggiore attenzione all’offerta di obbligazioni.

Il Tesoro degli Stati Uniti pubblica da decenni una dichiarazione, chiamata “rimborso trimestrale”, che illustra i suoi piani a breve termine per la vendita di titoli di Stato.

Ad agosto, il Tesoro ha dichiarato che avrebbe dovuto aumentare le vendite per la prima volta in 2 anni e mezzo e ha previsto ulteriori aumenti. Ciò ha innescato una svendita di obbligazioni da parte degli investitori. Ma poi, nella sua dichiarazione del 1° novembre, il Tesoro ha dichiarato che avrebbe aumentato le vendite di titoli a lungo termine leggermente meno del previsto, stimolando un rally dei titoli del Tesoro.

In questo post analizzeremo cosa sta influenzando il mercato obbligazionario e perché il mercato è così sensibile all’offerta di obbligazioni.

I fattori che influenzano l’ offerta di obbligazioni

La Federal Reserve ha intrapreso l’inasprimento della politica monetaria più aggressivo degli ultimi decenni. In appena un anno e mezzo, la Fed ha aumentato i tassi da quasi zero a oltre il 5,5%. Ciò ha reso il debito statunitense molto più costoso da ripagare. 

Allo stesso tempo, gli stimoli pandemici, la spesa per le infrastrutture e la diminuzione delle entrate fiscali hanno spinto il debito pubblico degli Stati Uniti a quasi 34 trilioni di dollari.

Ad agosto, Fitch Ratings ha declassato il debito americano dal suo rating massimo. L’agenzia di rating ha motivato la sua decisione citando il deterioramento fiscale previsto nei prossimi tre anni e l’onere del debito crescente, ma anche lo stallo politico manifestato per alzare il tetto del debito.

Sempre nell’ambito della sua campagna di inasprimento, la Fed ha smesso di acquistare titoli del Tesoro, rimuovendo una grande fonte di domanda.

Anche i governi stranieri e le banche statunitensi stanno riducendo i loro acquisti di obbligazioni, costringendo il Tesoro a fare maggiore affidamento su hedge fund, fondi comuni di investimento e fondi pensione per colmare il vuoto. Questi acquirenti sono più sensibili al prezzo: è più probabile che richiedano rendimenti più alti.

Come si misurano la domanda e l’ offerta di obbligazioni?

Il punto di partenza per determinare l’offerta di obbligazioni è il fabbisogno di prestito del governo federale. Per individuare il modo più efficiente per soddisfare queste esigenze di finanziamento, i funzionari del Tesoro incontrano i principali operatori nei giorni precedenti il ​​rilascio della dichiarazione di rimborso trimestrale per fornire loro indicazioni sulle politiche di gestione del debito a lungo termine della nazione.

I gestori del debito statunitense si incontrano anche con il Comitato consultivo per i prestiti del Tesoro, che presenta una proposta formale al segretario del Tesoro. I verbali delle riunioni del comitato prestiti e altri materiali delle riunioni sono accessibili al pubblico contemporaneamente al rilascio della dichiarazione di rimborso trimestrale.

La dichiarazione descrive come il Dipartimento del Tesoro intende soddisfare il proprio fabbisogno di prestito nei tre mesi a venire. Ciò include il nuovo debito e la sostituzione del debito esistente quando scade o “matura”. La dichiarazione si concentra sui titoli del Tesoro a 3, 10 e 30 anni e specifica i tempi di tali aste e gli importi da raccogliere.

Offerta di obbligazioni maggiore della domanda

Sebbene i titoli del Tesoro siano ancora considerati il principale ​​bene rifugio a livello mondiale, il Dipartimento del Tesoro ha recentemente dovuto pagare un premio agli acquirenti del suo debito. In pratica, sono state completate più aste con le cosiddette code. Ciò significa che il debito è stato venduto a un rendimento superiore al rendimento previsto prima della vendita. Questo è un segno di una domanda tiepida per i titoli di Stato.

Anche se è improbabile che un’asta del Tesoro non riesca a trovare una domanda sufficiente, le crescenti esigenze di prestito potrebbero costringere il Tesoro a dover offrire un rendimento sempre più alto per attrarre gli investitori.

Se vuoi leggere altri articoli su queste tematiche consulta il nostro blog che viene aggiornato settimanalmente!

Flavio Leone

Author Flavio Leone

Copywriter e ghostwriter professionista su https://leoneflavio.it/

More posts by Flavio Leone

Leave a Reply